specchio a lezione si o no (6)

Lo Specchio nella sala di Danza: aiuta o ostacola?

Impariamo ad usare lo specchio in modo selettivo e strategico per supportare gli allievi e il nostro insegnamento.

All’inizio era noto come “il vetro lusinghiero” e per migliaia di anni le persone hanno guardato le superfici riflettenti degli specchi per porsi domande su se stessi e sul loro mondo. La storia dello specchio è lunga. I primi specchi fabbricati noti risalgono a 8000 anni fa in Anatolia, ora Turchia centro-meridionale e, ancora prima, i primi specchi erano pozze d’acqua. Poiché uno specchio sembrava mostrare come ci si vedeva dall’esterno, è stato spesso collegato all’esperienza umana di autocoscienza e anche al desiderio di auto-miglioramento.

Anche i ballerini usano gli specchi per gli stessi motivi, sebbene storicamente la genesi dell’uso degli specchi nell’allenamento di danza non sia chiaramente documentata. Probabilmente il loro uso iniziò nelle classi di balletto nel diciottesimo secolo e oggi sono presenti nella maggior parte delle scuole di danza per supportare l’ambiente di apprendimento.

Uso e prestazioni dello specchio: aspetti positivi e negativi

Immagina un gruppo di ballerini durante le prove per un’esibizione. Ad un’estremità della sala è posizionato un grande specchio che occupa quasi l’intero muro. Questo specchio, come scrive Helena Wulff in Ballet Across Borders, sarà normalmente posizionato approssimativamente dove il pubblico sarà seduto durante la performance. Allo specchio, in altre parole, i ballerini si vedono come il pubblico li vedrà; quindi, per molti lo specchio serve a mostrare come i ballerini sono visti dagli altri. Molti ballerini tendono a ritenere che lo specchio sia cruciale per il loro successo e sia uno strumento importante per l’allenamento tecnico.

Ci sono molte ragioni positive per usare uno specchio nell’allenamento di danza:

  • Per i ballerini lo specchio fornisce un feedback visivo immediato; permette loro di valutare l’altezza e la forma del loro movimento, correggere la loro posizione e valutare la linea dei loro corpi.
  • Per gli insegnanti, i vantaggi dell’utilizzo degli specchi come strumenti didattici includono anche l’opportunità di situarsi facilmente per vedere molti studenti contemporaneamente

Al contrario, i maestri di danza hanno spesso riserve sull’uso dello specchio nella sala di danza. Wendy Oliver descrive lo specchio come uno strumento che fornisce un feedback costante sul corpo e sulla performance di un ballerino. Tuttavia, Oliver affronta anche gli aspetti negativi di avere uno specchio in classe, dove una ballerina presta troppa attenzione all’immagine che vede di se stessa nello specchio, questa autocoscienza può sopraffare il suo senso interiorizzato del suo corpo mentre si muove attraverso lo spazio.

Imparare a fidarsi del corpo

L’aspetto di un movimento può essere meno importante di come lo si sente. La comprensione sentita di dove si trova esattamente il proprio corpo e cosa sta facendo si chiama “propriocezione“, ed è un ingrediente fondamentale per essere un ballerino tecnicamente abile, consapevole ed espressivo. Glenna Batson e Barbara Montero sottolineano l’importanza della propriocezione (a volte chiamata “il sesto senso”) nell’istruzione di danza. Come scrive Montero, guardarsi allo specchio spesso non è la migliore guida all’auto-correzione (per non parlare dell’inutilità di guardare direttamente il proprio corpo). Non solo girare la testa per guardarsi allo specchio può distruggere l’effetto desiderato del movimento, ma un ballerino esperto spesso si fida della propriocezione più della visione quando si tratta di valutare le qualità estetiche dei suoi movimenti e posizioni.

Se i ballerini si esercitano a ballare con uno specchio per troppo tempo senza sviluppare altri sistemi sensoriali, potrebbero avere lacune nello sviluppo delle loro abilità quando sono tenuti a lavorare senza lo specchio. Lo specchio può diventare una “stampella” che impedisce ai ballerini di sviluppare pienamente la loro sensibilità cinestesica e quindi inibisce il loro pieno potenziale come esecutori. In questo caso, la rimozione dello specchio durante l’allenamento, sostiene Wulff, consente ai ballerini di concentrarsi maggiormente sul feedback cinestetico interno, che a sua volta può elevare il loro livello di performance.

Kimmerle e Côté-Laurence in Teaching Dance Skills riferiscono che lo specchio può offrire un prezioso aiuto nelle prime fasi della formazione di un ballerino, ma avvertono che non dovrebbe essere usato al punto di interferire con lo sviluppo della consapevolezza della sensibilità cinestetica da parte dei ballerini.

Gretchen Ward Warren nella tecnica del balletto classico consiglia di non utilizzare lo specchio in una lezione di livello base. Riferisce che senza l’uso di uno specchio, gli studenti imparano i nuovi movimenti e le posizioni del corpo con la “memoria muscolare” molto più velocemente e li imparano “sentendo” più rapidamente e non “dall’imitazione visiva”. Tuttavia, Ward riconosce che lo specchio è uno strumento importante in una classe di ballo di livello superiore perché i ballerini lo usano costantemente per valutare le loro posizioni e la linea nello specchio.

Rory Foster in Ballet Pedagogy sostiene che solo quando i ballerini raggiungono un livello avanzato è opportuno consentire loro di lavorare con lo specchio in sala. A questo punto, dice, i ballerini hanno sviluppato l’esperienza per utilizzare uno specchio come strumento, e non è probabile che rimangano ipnotizzati e quindi sopraffatti dalla loro immagine fisica fino al punto di distrarsi. In generale, gli specchi tendono ad essere usati più spesso nelle forme di danza codificate e tradizionali che attribuiscono un valore elevato alla linea e alle posizioni, come nel balletto.

Uso dello specchio e immagine del corpo

Ogni volta che ci guardiamo allo specchio, ci troviamo di fronte ad un’immagine del nostro corpo e ciò che vediamo può o meno essere l’immagine che abbiamo – o vorremmo avere – di noi stessi. Da qui il concetto di “immagine corporea” (un termine della psicologia) che si riferisce alla percezione, ai pensieri e ai sentimenti che abbiamo nei confronti dei nostri corpi. La visione personale di una ballerina del suo corpo è una parte importante della sua salute e del suo benessere psicologico e può aiutare o ostacolare la sua esibizione di danza sala. L’autocoscienza a volte può far sì che una ballerina diventi eccessivamente critica nei confronti del suo aspetto. Di conseguenza, gli studenti di danza spesso sviluppano sentimenti negativi nei confronti del proprio corpo. Questa è una realtà che molti insegnanti di danza comprendono per esperienza e testimonianza su base giornaliera.

Gli specchi invogliano gli individui a vedersi esternamente come oggetti e ad immaginare come gli altri li vedono rispetto agli altri. Jill Green ha intervistato studenti universitari di danza e ha scoperto che l’uso degli specchi ha aumentato la loro autocoscienza; più guardavano le loro immagini in uno specchio, più aumentavano sia la loro tendenza che la loro capacità di vedersi come oggetti.

In una lezione di danza, gli studenti fissano regolarmente la loro immagine esterna allo specchio. La presunta presenza “inquietante” del ballerino nello specchio si traduce in autovalutazione fisica, regolazione del comportamento, oggettivazione del corpo e competizione.

La ricerca mostra che i ballerini che hanno imparato senza specchi, specialmente i ballerini più abili, si sono sentiti meglio con i loro corpi. Ballare senza lo specchio, per gli studenti più qualificati, può incoraggiarli a essere meno autocritici, meno distratti e quindi sentirsi più soddisfatti del proprio corpo. Un’altra ricerca suggerisce che i ballerini più qualificati, che hanno una capacità più sviluppata di accedere al loro progresso tecnico, possono essere più critici verso il proprio corpo rispetto ai ballerini meno esperti che potrebbero non avere ancora sviluppato competenze per valutare accuratamente i loro progressi nell’allenamento tecnico.

Il ballerino allo specchio

La maggior parte degli studenti, specialmente i principianti, accolgono con favore l’opportunità di guardarsi allo specchio durante le lezioni di danza. In effetti molti pensano che lo specchio sia uno strumento essenziale in una lezione di danza seria; questo è particolarmente vero nella danza classica. Tuttavia, la ricerca mostra che nelle lezioni di danza in cui uno specchio non è presente solo alla metà degli studenti manca, e alcuni in realtà si sentono sollevati di non dover affrontare la relazione potente e complessa tra la loro percezione di sé e il riflesso di se stessi allo specchio.

Questo “circuito di feedback dello specchio del ballerino” può diventare disfunzionale quando un ballerino si corregge nello specchio, è in grado di percepire la correzione cinesteticamente, ma poi perde rapidamente la sensazione cinestetica e non è in grado di trattenere il movimento corretto.

Promuovere l’uso ottimale dello specchio

Gli insegnanti di danza dovrebbero riconoscere i benefici educativi che gli specchi forniscono in classe, così come devono comprendere le loro conseguenze meno positive; gli insegnanti devono usarli con conoscenza e selettività. Gli studenti sviluppano relazioni individuali con lo specchio e queste relazioni influenzano direttamente il modo in cui si sentono in classe e il modo in cui si esibiscono. Sembra chiaro che gli specchi siano utili per alcuni aspetti dell’allenamento di danza ma dannosi per altri. Lo specchio può essere efficace in un’aula di ballo in cui consente agli studenti di valutare la loro crescita tecnica e di vedere pienamente tutti gli aspetti del lavoro della classe. Può anche essere un vantaggio per gli insegnanti, dando loro una maggiore visibilità dei loro studenti. In altre situazioni, tuttavia, lo specchio può determinare livelli indesiderati di autocoscienza o autocritica.

Le seguenti linee guida e riferimenti forniscono del materiale aggiuntivo che gli insegnanti devono considerare quando istruiscono gli studenti nelle aule di tecnica della danza.

Batsheva Dance Company – Gaga

Considerazioni sull’uso dello specchio nell’insegnamento della danza

  • Presenta lo specchio come uno dei tanti strumenti didattici che possono essere utilizzati, ma nota che non è sempre necessario per la formazione. Molti studenti vogliono usare lo specchio in classe e lo vedono come uno strumento critico per lo studio della danza.
  • Enfatizzare il valore a lungo termine del feedback cinestesico (propriocezione). L’uso eccessivo dello specchio può ritardare lo sviluppo degli studenti nell’apprendimento dell’utilizzo del feedback cinestetico. Integrare altri metodi di informazione sui movimenti in classe.
  • Sii specifico nell’istruire gli studenti su come usare lo specchio in modo costruttivo. Concedi loro periodi di tempo limitati per evitare di guardare i loro corpi, un’abitudine che può portare a un’autovalutazione negativa. Lo specchio ha un forte effetto sulle esperienze degli studenti nello studio di danza. L’immagine che gli studenti vedono di se stessi allo specchio e il feedback che fornisce può spesso prevalere sul feedback cinestetico che gli studenti sentono nei loro corpi e devono imparare a interpretare.
  • Usa lo specchio con parsimonia, coprendo lo specchio o facendo in modo che gli studenti siano rivolti verso il lato opposto allo specchio. Come insegnante, sii sensibile ai problemi di immagine corporea negativa provocati dagli specchi in alcuni studenti.
  • Come insegnanti di danza, dobbiamo comprendere il background, gli obiettivi e le esigenze delle persone presenti alla nostra lezione di danza; essere chiari sugli obiettivi delle nostre classi; approfondire la nostra comprensione dei benefici e degli svantaggi dello specchio come strumento di apprendimento; e infine, utilizzare lo specchio in modo selettivo e strategico per supportare il nostro insegnamento.

Fonte: International Association for Dance Medicine and Science


stai cercando
specchi per la tua sala di danza?

Scuola di danza ON STAGE è un noto punto di riferimento per chi vuole studiare Danza e Ballo a Brescia.
E’ un centro di preparazione serio e aggiornato per la formazione della Danza sia approcciata come studio amatoriale sia indirizzata ad un futuro mestiere, diffondendo la passione per la Danza anche come strumento di crescita e come momento di socialità.

Scuola di Danza ON STAGE dispone di 600 mq di spazio interamente dedicati alla danza e al ballo, 4 Sale Danza attrezzate, ampio e comodo parcheggio gratuito, spazioso atrio, area studio/relax ….

I corsi sono tenuti da maestri professionisti altamente qualificati e in continuo aggiornamento e suddivisi per età e livello. Questo consente ad ogni allievo di potersi inserire nel contesto a lui più idoneo e alla scuola di garantire il massimo livello di ciascun corso proposto.

Vieni a conoscerci!

Siamo a Brescia in Via Triumplina 189
(a 50 metri dalla fermata Metro Casazza)

Prenota una lezione di prova gratuita e senza impegno!

0Shares

Categorie

In evidenza

Articoli Recenti

Altri articoli